Val Sorba, Alpe Toso (giugno 2009)


 MaM_e_AlpeToso 011 Una notte in bivacco è sicuramente un’esperienza indimenticabile per un bambino, e visto che quest’anno il Santo e la Teppa paiono godere di ottima salute (ce la tiriamo?) abbiamo deciso di osare.

La meta l’ha decisa l’Orso, dopo aver valutato condizioni meteo (prevista pioggia, in realtà il primo giorno era nuvoloso, il secondo il sole spaccava le pietre), stato fisico dei partecipanti, ma soprattutto la presenza di una cima vicina che lui potesse raggiungere “in poche decine di minuti” (che poi sono diventate 2 cime in 4 ore).

MaM_e_AlpeToso 016L’Alpe Toso è un bivacco ricavato da una casera, mantenuto dal C.A.I di Varallo e dotato di 16 comodi posti letto con coperte (ma assolutamente consigliato per i bambini l’uso di sacco a pelo imbottito), pentolame, stufa in ghisa e focolare. L’ambiente è spartano ma sufficiente a garantire un soggiorno adeguato anche a bambini molto piccoli (2 e 5 anni, nel nostro caso).

MaM_e_AlpeToso 019Descriviamo ora brevemente l’itinerario: uscendo dalla A26 a Romagnano Sesia si imbocca la statale 299 (meglio nota come la statale Valsesia) in direzione Alagna-Valsesia fino a Failungo, dove si devia per Rassa. Da questo meraviglioso villaggio Walser parte il sentiero 51 che dopo 700 m di dislivello e toccando alcune casere adibite ad uso privato o diroccato (a parte il ristorante Heidi a 15’ da Rassa), si giunge all’Alpe Toso, a quota 1639 m.

Il tempo di percorrenza previsto da Rassa è di 2 ore, nel nostro caso è diventato di ben 5 ore a causa, in primis, della presenza del primogenito che ha ancora un piccolo passo, della mamma subissata dallo zaino simil borsa-di-mary-poppins per l’attrezzatura dei bambini, ma infine soprattutto dalla presenza di molta neve da slavina, non ancora sciolta, che ha reso la salita tecnicamente difficoltosa e da svolgersi con cautela.

MaM_e_AlpeToso 014 MaM_e_AlpeToso 015

La serata davanti al fuoco si è svolta tranquillamente, per cena abbiamo utilizzato 2 buste di riso pronto in 1 minuto (ai “nostri” tempi non eistevano simili diavolerie, utilissime coi bambini appresso e non!). Sarebbe stato bello far vedere ai bimbi, almeno al Santo, la volta stellata, ma il sonno ci ha colto troppo presto. Il secondo giorno la Mamma e i bimbi hanno esplorato i dintorni del bivacco, resi paludosi a tratti per il disgelo ma praticabili in più punti offrendo perigliose arrampicate “del K2, del K1 e del Neverest” come dice il Santo, e permettendo alla Teppa di scaricare tutte le energie nascoste e riconducendolo ad una mansuetudine che non gli è propria.

Il bivacco, pur con le temperature ancora “frizzanti” della sera e della notte e pur nell’impegno non banale dell’itinerario è senza ombra di dubbio una meta adatta a bambini anche molto piccoli, che vi sorprenderanno per la loro capacità di adattamento e spirito di avventura.

Annunci

4 risposte a “Val Sorba, Alpe Toso (giugno 2009)

  1. Bottana!! Con bambini di 2 e 5 anni!!!! E con una moglie che non t’ha minacciato di divorzio a ogni passo in quelle 5 ore!
    Sai che tanti genitori di oggi ti darebbero del pazzo scatenato? E ti manderebbero gli assistenti sociali?

    Cmq ti scrivo per dirti che il tuo racconto mi affascina tantissimo e vorrei vedere qualche foto in più, soprattutto dell’interno del bivacco.
    Pure io e la mia compagna vorremmo (più io) provare un’esperienza cosi’.

  2. dobbiamo frugare negli archivi! a memoria ti anticipo che l’interno era troppo buio per far risultare le foto. era sicuramente un buon bivacco all’epoca, asciutto e ben tenuto. il pascolo circostante era paludoso ma era periodo di disgelo e non poteva essere altrimenti. ma sono passati 4 anni e sarebbe meglio contattare il CAI che l’ha in gestione per conoscere lo stato attuale, se l’intenzione é andarci con dei bambini.
    a noi é capitato di andare in rifugi o bivacchi sulla carta ottimi salvo scoprire all’arrivo che erano bruciati qualche mese prima quindi sconsigliamo di reperire informazioni troppo indietro nel tempo (nel caso dell’alpe Toso, ahimè, le nostre!)

    • No, non abbiamo bambini, ma NOI siamo più “piaghe” che dei bambini! 😀
      Mi stupiscono le capacità fisiche dei vs figli e mi stupiscono piacevolmente le capacità/aperture psicologiche vostre: al giorno d’oggi ben pochi genitori farebbero quelle cose con i figli, nei bivacchi, in mezzo al fango…!
      Qualcuno vi manderebbe gli assistenti sociali 😀 😀 😀
      MA FATE BENE!
      Verranno sù meglio, rispetto ai soliti figli cresciuti nella campana di vetro.
      Anche i miei geniori facevano cose che manco io adesso farei 🙂 ma ora ho bellissimi ricordi e sono un amante della vita all’aria aperta.
      Altro che weekend fatti di continue mangiate, chiusi fra 4 mura!

  3. Ah l’avevo già scritta la battutona degli assistenti sociali…. 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...