Bivacco Scaredi, nel cuore del wilderness italiano della Val Grande


bivacco_scaredi 026 Il Parco Nazionale della Val Grande, perla incastonata tra Lago Maggiore e Val d’Ossola, è l’area wilderness più grande d’Europa.

Le possibilità di gite, coi bimbi e non, sono infinite.

Vi consigliamo, se ancora non lo conoscete ma avete la possibilità logistica di poterlo visitare, di esplorarlo (con le dovute cautele spiegate ampiamente sul sito ufficiale )

Visto che il meteo ci ha favorito lo scorso fine settimana  regalandoci un sabato nebbioso e una domenica soleggiata, abbiamo deciso di far provare alla truppa una seconda volta l’ebrezza di una notte in bivacco.

Il Bivacco Alpe Scaredi presenta tutte le caratteristiche per un comodo pernottamento anche per i piccoli camminatori:

  • l’accesso (partendo da Malesco, in Val Loana , laterale della Val Vigezzo) è abbastanza semplice. Il dislivello è solo di 600 m, che si superano percorrendo per la maggior parte del tragitto un sentiero gradinato con lastroni relativamente agevole
  • Il bivacco è ben tenuto, una stufa in ghisa garantisce calore e la possibilità di cucinare (noi abbiamo preparato una “polenta oncia” con i preparati per polenta rapida, con ottimi risultati…sarà stata anche la fame)
  • Il tavolato che soppalca il bivacco permette di dormire al caldo e all’asciutto.
  • E’ provvisto di acqua
  • Il paesaggio che lo circonda è eccezionale (ad esempio il calare della luna sul Monte Rosa..)

bivacco_scaredi 034

Bisogna anzi considerare la possibilità di trovarlo pieno di gitanti (noi abbiamo trovato altri 8 gitanti, per altro simpatici e che hanno reso la serata “unica”, e la capienza massima è di 16 posti), e non è affatto detto , del resto nessuna regola di un fantomatico galateo alpino lo prescrive, che qualcuno si adatti a dormire nell’adiacente stallone per fare posto alla vostra prole. Quindi consigliamo di recarsi al bivacco nel primo pomeriggio in modo da “prenotare” il posto.

Il secondo giorno, se i piccoli se la sentono, è possibile salire un delle cime che circondano il bivacco (ad esempio Cimone dello Straolgio e la Cima della Laurasca) da cui si possono ammirare le Alpi Svizzere e l’intera catena del Rosa, o visitare l’Alpe Straolgio a solo un’ora di distanza (consigliamo di legare i camminatori più piccoli vista l’esposizione del sentiero su declivi erbosi piuttosto scoscesi)

bivacco_scaredi 048

Per noi è stata un’esperienza eccezionale, questa gita.

La Teppa (di 2 anni e poco più)  è salita con le sue sole forze per buona parte del percorso (visto che la Mamma comincia a trovarlo un tantino troppo “di peso specifico compatto” e il papà stava già portando ristoro, attrezzatura e vestiario per tutta la famiglia).

I 2 scatenati (la Teppa e il Buono) si sono divertiti alla grande durante la serata con gli altri escursionisti (e la Mamma e l’Orso pure, visto il vino a profusione che girava, rigorosamente lontano dalla vista dei pargoli si intende).

Il meteo ci ha favoriti,e nonostante il freddo notturno, si è dormito fuori dai sacco a pelo dal caldo grazie all’ottima tenuta del bivacco.

In poche parole: consigliatissimo dalla nostra famiglia. Buon gita!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...